fbpx
Menu

Vi presento il Salento…

Anticamente era Messapia, la nostra “Terra fra i due Mari”.  Dalla natura dolcemente malinconica, colorata dal grano, dal tufo, dalle vigne bruciate dal sole e dalla terra rossa di uliveti secolari. Selvaggia e piana, cinta e serrata da una scogliera dirupata e alla mercè dei venti, la penisola Salentina si apre ad Oriente a partire dal Golfo di Taranto snodandosi fino al promontorio di Leuca, mitica finis terrae, dove lo Ionio incontra l’Adriatico mescolandosi in suggestive e indimenticabili variazioni di Blu.

Il mare è il protagonista assoluto della favola salentina. Le splendide spiagge e i lidi sabbiosi, le alte scogliere che si fratturano dando origine a insenature con pareti a picco sul mare, gole, piccoli anfratti, isole, isolotti e grotte ricamano la costa di fantastici merletti di roccia e contribuiscono alla scenografia perfetta.

Le bellezza dell’entroterra è particolarmente pittoresca, l’uso sapiente della pietra è testimonianza del passaggio di culture diverse  e antichissime tradizioni: Dolmen e Menhir,  Masserie fortificate e Pajare, Borghi e Castelli,  Torri di Guardia, Chiese Romaniche e Barocche ci affascinano con le loro storie e leggende che diventano i nostri sogni, le nostre visioni.

 

Il Salento è una terra di miraggi, ventosa; è fantastico, pieno di dolcezza; resta nel mio ricordo più come un viaggio immaginario che come un viaggio vero.
Guido Piovene, Viaggio in Italia 1957